//Giustizia: Sisto, porre argini a ruolo magistrati dopo politica

Giustizia: Sisto, porre argini a ruolo magistrati dopo politica

Giustizia: Sisto, porre argini a ruolo magistrati dopo politica

(ANSA) – BARI, 17 DIC – “Cambierei il titolo di questo
incontro da ‘il giudice e la politica’ a ‘il giudice o la
politica’, perché sostanzialmente questo è il sentiment che si
respira in Parlamento, la necessità di porre degli argini seri
tra chi in qualche modo perde la sua indipendenza e sceglie
liberamente di andare in politica, ma poi ovviamente non potrà
tornare come se nulla fosse accaduto”. Lo ha detto Francesco
Paolo Sisto, sottosegretario alla Giustizia, a margine del
convegno organizzato a Bari dalla giunta distrettuale dell’Anm,
dal titolo “Il giudice e la politica”.
“Si discute su quelle che possono essere le soluzioni. Quello
che si ascolta dai più – ha spiegato Sisto – è che il giudice
non deve tornare nei ranghi giurisdizionali. Le soluzioni
mediane potrebbero essere l’avvocatura dello Stato o altri
luoghi, senza ovviamente perdere le caratteristiche
dell’articolo 51 della Costituzione e cioè il mantenimento del
posto di lavoro. Però è evidente che un cittadino che deve
essere giudicato da chi si è schierato, è un cittadino che non
vede in chi lo giudica quella autonomia, indipendenza e
trasparenza che devono contraddistinguere l’ordine giudiziario”.
(ANSA).

2021-12-22T18:11:57+01:0017 Dicembre 2021|